Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Ti invitiamo a leggere la Cookie Policy

LA POLITICA CHE ASCOLTA
Per realizzare quello che i cittadini vogliono

    

 IL MIO BLOG PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE

News dell'attività comunale 

dilena angelo

Articoli filtrati per data: Maggio 2020

L’autovettura dei vigili urbani di Pulsano è rimasta coivolta in un incidente stradale e risulterebbe inutilizzabile.
Su questo argomento ha presentato una interrogazione il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena per conoscere lo stato dei mezzi a disposizione del corpo e le prospettive di incremento degli stessi:
"i vigili urbani sono ad oggi maggiormente impossibilitati a circolare per il paese essendo privi di una autovettura di servizio.
Credo che il sindaco dovrebbe fornire spiegazioni alla cittadinanza.
È una situazione paradossale.
Occorre incrementare il parco delle autovettura del corpo, e nel caso potenzialo con l’acquisto di motorini o biciclette per le zone costiere così come fanno nelle altre città italiane.
Pulsano è molto indietro, l’amministrazione Lupoli dimostra ancora una volta di non essere all altezza dei problemi".

Pubblicato in Il mio Blog

La presenza di buche ed erba alta fanno apparire via dei micenei a Pulsano una zona trascurata.
Tali mancanze sono state denunciate dal consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena, al Sindaco su sollecitazione dei cittadini residenti.
"In questi giorni ho evidenziato le carenze del servizio di pulizia dei bordi delle strade in queste zone periferiche del paese denunciando le inefficienze della amministrazione.
Su istanza dei cittadini di Pulsano, esasperati da questa situazione ho sollecitato la copertura definitiva delle buche presenti chiedendo all’amministrazione e agli assessori competenti un intervento serio.
Ma la situazione non migliora e continuo a ricevere denunce dei residenti che si lamentano per le strade dissestate e poco mantenute.
Per tali ragioni invierò nuovamente una interrogazione al Sindaco e all’Assessore al ramo con la speranza di risolvere queste carenze”.

 
Pubblicato in Il mio Blog

Fermi i lavori di restauro della biblioteca all’aperto nei pressi dell’ex mercato coperto di Pulsano, forse caduto un operaio da impalcatura durante i lavori.
Il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena formula interrogazione urgente al sindaco per conoscere le cause della sospensione dei lavori e conferme della notizia.

I lavori di restauro della biblioteca all’aperto nei pressi dell’ex mercato coperto di Pulsano sono stati sospesi nella giornata odierna forse dopo la caduta di un operaio dall impalcatura. Su questo argomento il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena ha chiesto chiarezza formulando una interrogazione con risposta urgente al Sindaco ai sensi dell’articolo 51 comma 5 del Regolamento di consiglio comunale per conoscere le cause dell interruzione dei lavori:
"Il cantiere è bloccato inspiegabilmente. Corrono voci non confermate in paese della caduta di un operaio dall’impalcatura.
Sono preoccupato e vorrei sapere se questa notizia che è trapelata è vera e nel caso quali sono le condizioni dell’operaio.
Per questi motivi ho immediatamente proposto una interrogazione al Sindaco.
La cittadinanza ha il diritto di sapere cosa è successo”.

Pubblicato in Il mio Blog

L’amministrazione Lupoli ha varato un provvedimento per modificare la viabilità nella zona centro del paese al fine di risolvere alcune criticità del traffico e per creare nuovi aree per il parcheggio delle autovetture.
Ne parla il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena che non è soddisfatto dei provvedimenti.

“Il provvedimento adottato dal comune è in realtà solo un modo per incrementare gli introiti da parte del comune in linea con la politica del fare cassa con parcheggi a pagamento nella zona centrale del paese. Personalmente non condivido questa scelta della amministrazione.
Non credo che sia un buon modo per risolvere il problema del traffico cambiare i sensi di marcia e creare nuovi posti a pagamento nelle vie adiacenti a palazzo Giannone futura sede del comune.
La conformazione del territorio avrebbe richiesto uno studio del piano parcheggi adeguato, coinvolgendo - se solo lo avesse voluto il Sindaco- con un concorso di idee , i tanti tecnici di Pulsano ed uno snellimento del traffico veicolare .
La parziale modifica della viabilità su Via Costantinopoli nel tratto compreso tra Via Roma e Via Umberto I e sulla stessa Via Umberto I nel tratto compreso tra Via Costantinopoli e Via XX Settembre non cambierà molto le cose anzi ci sarà un maggiore ingorgo stradale e con un assenza di rotatoria non solo ci sarà il serio rischio di maggiori sinistri stradali , ma ci sarà anche più smog .
Via Umberto I diventerà a senso unico in direzione Via XX Settembre con parcheggi a pagamento sia sul lato sinistro che sul lato destro in modalità "spina di pesce".
Questo intervento pensato per decongestionare il traffico su Via Roma , per creare isola pedonale in via Costantinopoli e creare nuovi spazi di sosta per chi vuole raggiungere le attività commerciali del Centro, in previsione del trasferimento di parte degli uffici Comunali presso il Palazzo Giannone non è in grado di aumentare i posti totali disponibili quindi è inutile.
Meglio sarebbe stato pensare parcheggi a spina di pesce con uno studio delle potenziali aree a parcheggio e posti auto nelle varie traverse del paese con una crono programmazione - che ad oggi non esiste - per aumentare il numero di posti auto ed incrementare il commercio".

Pubblicato in Il mio Blog

Nella diretta Facebook il Sindaco di Pulsano ha ricordato che la situazione sulle spiagge sta degenerando e in alcuni locali non si rispettano le regole.
Ha pertanto deciso di chiudere le spiagge alla balneazione per una settimana.
Ne parla il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena che non condivide la linea politica del primo cittadino.
"Le spiagge vanno riaperte.
Non si può impedire alla gente di andare a mare o frequentare i locali.
Il comune deve fare la sua predisponendo un rigido sistema di controlli che costringa i bagnanti indisciplinati a rispettare gli ordini e le misure emergenziali.
E lo stesso deve essere fatto per i locali pubblici.
Occorre tornare alla normalità.
I locali vanno sistematicamente controllati e i trasgressori multati.
Chiudere tutto non risolve il problema".

Pubblicato in Il mio Blog

La polemica innescata dal comitato provinciale della Lega contro il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena non si placa e si arricchisce di un nuovo capitolo dopo gli ultimi epiteti a cui il consigliere ha voluto replicare così.
"Dopo aver letto le ultime dichiarazioni del coordinamento cittadino della Lega - Pulsano per l' abbandono dal partito posso dire che allo squallore non c è fine.
Una caduta di stile con epiteti rivolti nei miei confronti che definiscono cosa è la Lega nella provincia ionica.
Anzitutto È stato detto che io sono un" populista geneticamente indipendente" in tono evidentemente dispregiativo.
Populista io?
Bhe se la mettiamo così personalmente sono orgoglioso di esserlo e fare gli interessi del popolo e non della casta e soprattutto di non servire lobby o padroni come fanno molti politici, perché io ho avuto mandato dalla gente ed amo stare fra la gente e, per quanto ciò possa darvi fastidio, sono molto amato dalla gente.
Volendo prendere le distanze dal sottoscritto è stato detto anche dal
coordinamento cittadino della Lega - Pulsano che "la politica è una cosa seria" quasi a voler sottolineare della differenze.. ..niente di più vero per me.
Andate a vedere cosa fa ogni giorno il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena .
Parlano i fatti, la gente che mi vede per strada. Io sono il politico che ha presentato più mozioni, interpellanze, interrogazioni di tutti gli altri messi insieme a Pulsano.
Io lavoro ogni giorno per il benessere dei cittadini e non sto dietro ad una scrivania ad aggiustarmi la cravatta, i pantaloni e le carte. Per non parlare del fatto che la mia presenza all’interno del partito sarebbe stata tollerata e non voluta.
Che falsità.
La lega mi ha cercato, mi ha chiamato, mi ha voluto fortemente, mi ha offerto un posto nel comitato provinciale prospettandomi ampi spazi di manovra per il bene della gente.
Non sono stato certo io a chiamare e a seguire il Sindaco Lupoli ed i suoi, ma sono stato io la prima persona ad essere chiamata e nominata nel coordinamento provinciale della Lega, anche se facevo parte a livello locale della opposizione.
Ma questo non fa comodo dirlo.
Infine escluso dalle riunioni ed emarginato dal comitato provinciale ?
Non mi sembra sia così.
Il mio telefono ha squillato fino all’ultimo giorno per cercare di trattenermi ad ogni costo.
La verità è che non fa comodo dire tante cose a cominciare dalla ridicola situazione di Pulsano dove la lega non si è mai costituita come gruppo politico e di lavoro, con un consigliere all’opposizione e gli altri in maggioranza e non certo per la mia indisponibilità al dialogo.
Alla faccia della unità tanto decantata e predicata.
E non aggiungo altro per ora, sempre che questa polemica non continui.
La politica è una cosa seria?
Pensateci bene prima di parlare di qualcuno che si è comportato con lealtà e correttezza come è nel mio stile”.

Pubblicato in Il mio Blog

L’abbandono del consigliere di Pulsano Angelo Di Lena al gruppo della Lega non è stato ben digerito dai vertici provinciali del partito che hanno diramato una nota da contenuti aspri con considerazioni sulla sfera privata lavorativa del consigliere.
In replica a queste parole è voluto intervenire il consigliere comunale Angelo Di Lena sdegnato da tale comportamento.
" Certe repliche di partito si commentano da sé.
Le considerazioni sulle mie vicende personali lavorative sono di uno squallore unico e dimostrano la pochezza di chi le ha espresse perché esulano dal discorso politico ed entrano nel privato di una persona.
Una chiara invasione nella mia vita privata ed una violazione della privacy con diffusione di notizie personali non autorizzate.
Potrei fare la stessa cosa, ma non mi abbasso a tali comportamenti.
Mi rendo conto ancora di più delle persone con cui ho avuto a che fare.
La lega doveva rappresentare il nuovo, almeno nella nostra regione, come mi avevano prospettato ed invece ha raccolto personaggi della vecchia politica che si sono riciclati.
E il vecchio non vuole valorizzare e dare spazio al nuovo e farsi carico delle nuove proposte.
Questo modo di fare politica non porta da nessuna parte e non mi appartiene.
La politica è un servizio che va reso alla comunità ed ai cittadini.
Al di la dei pochi incontri che si sono tenuti in 8 mesi nella nuova segreteria i componenti del partito non si sono mai concretamente interfacciati con il sottoscritto per dare esecuzione ad una vera e propria programmazione politica tanto che durante gli sbarchi dei migranti a Taranto manifestai il mio dissenso senza avere nessuna altra figura ionica che mi supportasse.
La gente ha bisogno di persone che vivono e si battono per il territorio e non di fantasmi in giacca e cravatta.
Il bello della politica si traduce anche nella libertà o capacità di scegliere per spaziare nelle sue forme scrollandosi da contenitori sterili e contro producenti per il bene del popolo.
Trovo assurdo e paradossale che figure che ricoprano incarichi politici di un certo rilievo ed incarichi privati lavorativi possano strumentalizzare la mia vita privata lavorativa che non deve interessarli ,così come a me non interessa la loro anziché fare un mea culpa e riflettere sulle loro mancanze per aver perso un pezzo di quella che poteva essere ma non è mai stata una squadra”.

Pubblicato in Il mio Blog

In riferimento all’articolo pubblicato sul sito internet Buonasera Taranto in data 03/5/2020 di cui all’oggetto, con la presente si rappresenta quanto segue.
In primo luogo si rappresenta che con provvedimento n.ro 524 del 8/4/2020 ad oggetto “Interventi urgenti per il contrasto alle conseguenze socioeconomiche della diffusione della Pandemia da Covid-19. Atto di Programmazione” la G.R. ha adottato un atto di riprogrammazione dei fondi PO FESR 2014/2020 e FSC 2014/2020 in conseguenza a quanto sollecitato dalla Commissione Europea con Comunicazione (2020)112 del 13 marzo u.s. al Parlamento Europeo, al Consiglio Europeo, al Consiglio, alla Banca Centrale Europea, alla Banca Europea per gli Investimenti e all’Eurogruppo, circa la necessità di adottare una serie di misure coordinate a livello europeo e un approccio comune chiaro e coerente per la gestione dell’emergenza da pandemia.
Nel dettaglio la Commissione Europea invitava tutti gli Stati Membri a massimizzare l’impatto dell’iniziativa di investimento in risposta al Coronavirus e poneva in essere iniziative anche di natura legislativa che includono, tra le altre, misure relative alla regolamentazione dei Fondi SIE, per fronteggiare con urgenza l’Emergenza riconosciuta a livello globale, ribadendo tra l’altro l’invito a riprogrammare le risorse non spese per indirizzarle su misure volte a fronteggiare l’Emergenza (sotto il profilo sanitario, sociale ed economico), senza dover chiedere l’autorizzazione alla Commissione, ai sensi dell’attuale art. 30 del Reg. (UE) 1303/2013 e ss.mm.ii. (il “Reg. Gen. SIE”), così ampliando la definizione di modifiche “non sostanziali” dei programmi operativi.
Il provvedimento della G.R. n.ro 524 del 8/4/2020, e tutti gli altri atti di programmazione, non stabiliscono il definanziamento degli interventi richiamati dal Consigliere comunale Basta e dal Sindaco di Pulsano Lupoli nell’articolo pubblicato ma sono riferiti:
Per gli importi relativi al POR FESR 2014/2020:
alla rimodulazione finanziaria tra Assi del POR per un importo pari a 110 meuro da trasferire sull’Asse III del Programma attraverso l’acquisizione di 29 meuro dall’Asse I ed in particolare dalle Azioni 1.3 “Interventi per l’innovazione e l’avanzamento tecnologico delle imprese” e 1.4 “Interventi di promozione di nuovi mercati per l’innovazione”, di 41 meuro dall’Asse II ed in particolare dalle Azioni 2.2 “Interventi per la digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali della PA a cittadini e imprese” e 2.3 “Interventi per il potenziamento della domanda di ICT di cittadini e imprese in termini di utilizzo dei servizi online, inclusione digitale e partecipazione in rete”, di 40 meuro dall’Asse VI ed in particolare dall’Azione 6.1 “Interventi per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti urbani”, cui si aggiunge la disponibilità̀ di 40 meuro ottenuti da una rimodulazione interna alle Azioni dell’Asse III;
Mentre per quanto riguarda i fondi F.S.C. 2014/2020 il provvedimento stabilisce di :
demandare il dettaglio della riprogrammazione del Fondo di Sviluppo e Coesione a successivo provvedimento di Giunta a cura dell’Assessore con delega alla Programmzione Unitaria su istruttoria del Dirigente della Sezione Programmazione Unitaria da conseguire con urgenza in linea con le esigenze di accelerazione previste per i Fondi SIE che di FSC, per convergere sugli obiettivi impellenti posti dall’emergenza in atto;
stabilire che la riprogrammazione del FSC verrà predisposta sia a valere sul Patto per la Puglia, sia tramite la messa a disposizione di un importo fino al 3% della dotazione finanziaria attuale di ciascun singolo Accordo di Programma Quadro sottoscritto nell’ambito della programmazione 2007-2013, e che i progetti di rilievo strategico oggetto di riprogrammazione saranno comunque realizzati con le risorse finanziarie che saranno messe a disposizione nella programmazione 2021-2027.
Pertanto, non corrisponde al vero quanto affermato dal consigliere Basta e dal Sindaco Lupoli in ordine e al fatto che la Giunta Regionale Pugliese abbia distolto i fondi previsti per l’infrastruttura Stradale S.R.8 Taranto-Avetrana e per l’emergenza corona virus.
In secondo luogo, corre l’obbligo rappresentare che fu proprio grazie alla Programmazione regionale dell’anno 2016 che la Giunta Regionale pugliese chiese ed ottenne dal Governo, per la prima volta, il finanziamento dell’infrastruttura per la realizzazione della II e III tratta del Progetto della S.R. 8 Talsano Avetrana, per un totale di circa 240 milioni di euro, atteso che sino ad allora era stata finanziata soltanto la prima tratta ed il resto dell’opera non aveva una copertura finanziaria, fatto che avrebbe reso impossibile la realizzazione della stessa non potendo, l’Autorità Competente, autorizzare un’opera che non fosse funzionale e funzionante.
È doveroso in ultimo far presente che in data 20/02/2020 la Provincia di Taranto ha depositato gli atti progettuali della S.R. 8 Talsano-Avetrana per la necessarie autorizzazioni e che gli Enti interessati alla attuazione dell’intervento, Provincia e Comuni, ad oggi si ritiene abbiano adottato le necessarie obbligazioni giuridicamente vincolanti, per le quali sarà cura del DIPARTIMENTO MOBILITA’, QUALITA’ URBANA, OPERE PUBBLICHE, ECOLOGIA E PAESAGGIO procedere alla relativa verifica al fine di preservare le risorse finanziarie in questione che, qualora non impegnate, potrebbero ritenersi svincolabili e da trascinare sulla nuova programmazione.
E’ altresì totalmente inopportuno che proprio il Sindaco di Pulsano anziché battagliare all’UNIONE DEI COMUNI TERRE DEL MARE E DEL SOLE nel Marzo 2019 oltre che in provincia accettò passivamente la proposta della Provincia , che come richiesto dalla Regione, riguardava solamente l’adeguamento della strada provinciale Salentina, cioè la futura litoranea interna; rimarranno fuori dal finanziamento i raccordi con la viabilità minore dei centri costieri come Pulsano e Leporano , ma soprattutto rimarranno fuori dal finanziamento i lavori di adeguamento della attuale litoranea; per questa arteria era previsto un piano di riqualificazione ambientale con un senso unico e pista ciclopedonale lungo l’intera tratta che va dalla Baia dei Pescatore al confine tra Leporano e Pulsano fino a Torre Columena.
Allego anche mio comunicato come consigliere dell’Unione dei comuni terre del mare e del sole del Marzo 2019 : https://www.jotv.it/2019/03/29/regionale-8-di-lena-pulsano-e-leporano-fuori-da-finanziamento/
È doveroso inoltre far presente che prima di chiedere aiuti alla regione Puglia per il turismo , passiate dalla commissione consiliare turismo e finanze, tributi e bilancio del comune di Pulsano visto che come membro di entrambe le commissioni ho chiesto già al Sindaco qualche giorno fa di predisporre un emendamento per sospendere il pagamento delle tasse e l’adozione di misure a sostegno delle attività produttive , magari facendo spese più ponderate di quelle che fa state continuando a fare senza nemmeno consultare il mepa.
Dobbiamo essere noi in primis a fare i sacrifici , per poi chiedere eventuali aiuti .

Tanto si doveva per dovere di informazione e con l’intento di una comunicazione leale e
plurale.

Pubblicato in Il mio Blog