Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Ti invitiamo a leggere la Cookie Policy

LA POLITICA CHE ASCOLTA
Per realizzare quello che i cittadini vogliono

    

 IL MIO BLOG PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE

News dell'attività comunale 

dilena angelo

Articoli filtrati per data: Gennaio 2020

Il consigliere dell’Unione dei comuni Angelo Di Lena attraverso un comunicato ha informato la cittadinanza di aver scritto al Prefetto di Taranto per chiedere lo spegnimento degli autovelox privi, ad oggi, dei requisiti di legge".

È lo stesso consigliere a spiegare i contenuti della lettera :
"Nella mia missiva ho fatto presente al Prefetto la necessità di ottemperare alla mia richiesta vista la carenza dei requisiti previsti dalla legge per alcuni autovelox.
Ho rimarcato in proposito come in altre Province d’Italia, se c’è un decreto con difetti legislativi si sospende il decreto con spegnimento degli autovelox.
Ritengo che si debba procedere allo stesso modo anche a Taranto, nell’attesa di redigere il decreto prefettizio aggiornato senza utilizzare quello vecchio.
Ho invitato pertanto la prefettura di Taranto a controllare tutti i dispositivi in questione in quanto non rispettano le norme vigenti in tema di sicurezza e di tasso di incidentalità oltre a chiedere di vigilare se tutti i comuni della provincia di Taranto hanno utilizzato correttamente le somme derivanti dai proventi dei verbali che per legge dovrebbero essere destinate alla manutenzione delle strade come prevede l’articolo 142 del codice della strada e 208 del medesimo codice .
Ad oggi , infatti , si registra l’ inopportunita' di molti dispositivi di rilevamento di velocità per la mancanza del decreto e sempre più spesso un utilizzo vessatorio di tali apparecchiature da parte dei comuni.
Per quanto riguarda la relazione telematica con la quale - come prevede la norma del 2010 - le amministrazioni locali devono indicare l’ammontare complessivo che scaturisce dalle sanzioni comminate per le violazioni al Codice della strada, si rileva che meno di 300 comuni su 8.000 rispettano la legge, senza sanzioni per gli enti inadempienti che, malgrado l’obbligo di legge, non presentano la relazione.
Per tali ragioni, in data 30 Gennaio 2020 ho depositato una mozione al comune di Pulsano per inviare una richiesta al Ministero delle infrastrutture chiedendo
• un decreto urgente affinché si intervenga contro gli autovelox “selvaggi ” e si garantisca più trasparenza sull’utilizzo dei proventi delle sanzioni comminate dai comuni, in modo tale che vengano utilizzati per finanziare la manutenzione e la messa in sicurezza delle strade.
È in questa direzione che va la risoluzione presentata dal sottoscritto”.

Pubblicato in Il mio Blog

La situazione al cimitero di Pulsano a quanto pare necessita di essere rivista nella concessione dei posti.
Ne parla il consigliere comunale Angelo Di Lena:
“Ho ricevuto lamentele da parte di molti dei miei concittadini sui tempi necessari per la concessione di un posto al cimitero del paese. Alcuni cittadini sostengono che non ci sono posti al cimitero di Pulsano e che per questo attendono anche da 2 anni per avere in concessione un piccolo appezzamento di terra per potersi costruire una cappella e, nella stessa maniera, per avere un loculo in concessione alle colombaie.
Credo che sia necessario riprendere in mano la situazione e se è il caso ingrandire la struttura mediante esproprio di terreni.
La cittadinanza merita risposte”.

Pubblicato in Il mio Blog

IL Comune di Pulsano PRESENTA AL CONSIGLIO COMUNALE UNA MOZIONE PER L’ ASSUNZIONE DI ONERI PER IL MANTENIMENTO DEI MINORI IN COMUNITA' DA PARTE DELLO STATO DA INVIARE ALLA REGIONE E AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI .
L’OPINIONE DEL CONSIGLIERE ANGELO DI LENA CHE VOTA CONTRO .

Il Comune di Pulsano vuole ottenere più fondi per la gestione dei minori in difficoltà e per questo chiede una revisione della legge che prevede oggi l’elargizione degli stessi solo nei casi in cui si raggiunga un certo numero di presenze gestite dal comune.
Sulla questione è intervenuto il consigliere Angelo Di Lena che in proposito ha espresso la sua linea politica: “ come presidente della commissione servizi sociali e pubblica istruzione del comune ho espresso in commissione la mia riserva sulla mozione del comune.
Successivamente in data 28 Gennaio durante il consiglio comunale, dopo aver studiato l’atto
personalmente ritengo che il problema dei minori in difficoltà vada gestito in modo più radicale, attraverso investimenti sulla prevenzione attraverso iniziative volte a migliorare la crescita individuale e sociale degli stessi, non con interventi postumi.
Il mio augurio è che il comune metta in campo le sue forze per risolvere le problematiche di tanti giovani alla radice, non quando si sono manifestati i problemi. Secondo me è questa la strada che si deve seguire”.

Pubblicato in Il mio Blog

IL COMUNE DI PULSANO DELIBERA UN ATTO DI INDIRIZZO DI GARA D’APPALTO PER LA FORNITRA E GESTIONE DI APPARECCHI AUTOMATICI PER IL RILEVAMENTO DELLE INFRAZIONI STRADALI.
IL CONSIGLIERE DI OPPOSIZIONE ANGELO DI LENA RILEVA LA MANCANZA DEI PRESUPPOSTI NECESSARI PREVISTI DALLA CIRCOLARE MINNITI DEL LUGLIO 2017 E INTERROGA IL SINDACO.

Il consigliere Angelo Di Lena non ci sta ad accettare questo modo di operare del comune di Pulsano in materie di sistemi di rilevamento della velocità.
E’ lui stesso a spiegare il perché:

“La determina n 11 del 6 febbraio 2017 aveva prorogato l’affidamento del sevizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle apparecchiature elettroniche del rilevamento della velocità senza constatazione immediata e Photored con i rispettivi servizi annessi fino alla data del 7 Febbraio 2020.
In data odierna sono venuto a conoscenza della delibera di giunta n.17 del 21 Gennaio 2020 avente ad oggetto l’espletamento di una gara inerente la fornitura e gestione di apparecchi automatici per il rilevamento delle infrazioni al codice della strada comprensivi di sevizi complementari.
Tutto ciò appare alquanto anomalo in quanto ad oggi il Prefetto di Taranto non ha ancora emanato il nuovo decreto prefettizio che dovrà annoverare i tratti di strada che corrispondono a quanto citato dalla circolare Minniti del 21 Luglio 2017.
Dalla documentazione in mio possesso inviata dal comando di polizia municipale di Pulsano del 14 Novembre 2019 appare evidente la mancanza del requisito fondamentale per l’installazione degli autovelox sulla strada comunale “Viale dei Micenei “.
Più precisamente l’elevato tasso di incidentalità riferito all’ultimo quinquennio oltre ad essere in corso ulteriori verifiche inerenti la classificazione della sopra citata strada comunale così come previsto dal codice della strada.
Quindi mancano i presupposti per deliberare.
Tutto ciò appare ancora più grave se si considera che oltre alla richiesta di inserimento di viale dei micenei “ ex sp122” il comune di Pulsano nella nota del 14 Novembre 2019 richiede l’inserimento nel nuovo decreto prefettizio di altri tratti di strada quali :
-Viale Costantinopoli ( sp109) ,
-via Umberto I ( sp 112) ,
-Via Crocifisso ( sp 108) non allegando alcun documento richiesto dal Prefetto nell’osservatorio del 27 Settembre, nello specifico relazione dettagliata sugli incidenti registrati nell’ultimo quinquennio, report sui volumi di traffico e report inerenti le difficoltà operative nel procedere alla contestazione immediata delle violazioni per eccesso dei limiti di velocità.”

Pubblicato in Il mio Blog

Il comune di Pulsano ha chiesto ai cittadini del paese di versare il 5 x mille ai servizi sociali del comune per garantire ulteriori servizi in più per i minori.
Su questa opzione è intervenuto il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena che ha espresso le sue considerazioni.
"La scelta del sindaco di Pulsano non mi vede favorevole e serve solo per arricchire le casse del comune.
Come se nn bastassero i prezzi più alti della provincia di Taranto per la Mensa Scolastica e i prezzi fissi per lo scuolabus senza tenere conto dei parametri isee.
Ed allora non è giusto chiedere ancora di più alle tasche della cittadinanza.
Occorre che il sindaco e gli assessori prima di chiedere ridimensionino i prezzi di questi servizi.
Serve un atto di buona volontà”.

Pubblicato in Il mio Blog

Il consigliere comunale Angelo Di Lena in data 24 Gennaio 2020 ha convocato presso il Municipio la "commissione consiliare sui servizi sociali e la pubblica istruzione" del Comune di Pulsano per fornire un parere consultivo sulla nomina dei componenti della commissione mensa scolastica e discutere di altri provvedimenti.
E lo stesso presidente Di Lena a parlare dell’esisto della riunione.

“Durante la commissione di venerdì 24.01.2020 è stato chiarito dall’Assessore delegato che tutti i componenti della commissione potranno assaggiare i cibi, mentre le problematiche dei prezzi del servizio sono passate in secondo piano.
Ritengo che la vera priorità della riunione era chiarire, anzitutto, la questione dei prezzi della mensa scolastica che sono altissimi, i più alti della provincia di Taranto.
Non posso accettare tutto ciò.
Il mio augurio è che il prezzo sia rivisto e che ci sia una maggiore partecipazione a queste riunioni.
Prendo atto che gli emendamenti proposti dal sottoscritto sulla possibilità di modificare il corpo della delibera per indicare i rispettivi compiti dei componenti della commissione mensa in maniera precisa come prevede l’art. 107 del TUEL, in quanto i consiglieri e gli assessori non possono né compiere né interessarsi ad atti gestionali non sono stati accolti dai colleghi della maggioranza, così come non è stato accolto il suggerimento del parere del segretario generale visto che nella commissione c’erano funzionari e politici.
Ma v’è di più.
Durante lo svolgimento della commissione da me presieduta, i miei interventi sono stati spesso interrotti e disturbati da commenti da chiacchiericcio disinteressato di alcuni rappresentanti.
Questi comportamenti sono irriguardosi e da quando sono nelle istituzioni capita spesso anche nelle sedute di consiglio.
Senza fare polemica, voglio far presente che il mio impegno per Pulsano e i cittadini è totale e chi mi conosce sa benissimo quanti sacrifici faccio ogni giorno per venire incontro a tanti che chiedono il mio intervento per cercare di risolvere le problematiche della gente comune.
È sconfortante aver visto oggi in Commissione i consiglieri disinteressati dal seguire questioni serie da me sollevate.
Al di la della simpatia o antipatia del Consigliere Di Lena noi siamo in Consiglio Comunale per lavorare, discutere e risolvere i problemi della gente comune.
Disturbare i lavori degli altri, snobbare questioni serie che meritano soluzioni, oltre ad essere irriguardoso verso il sottoscritto, cosa che considero secondaria, è irriguardoso, anzitutto, verso la gente che rappresentiamo che aspetta da noi riposte concrete.
Credo pertanto che sia doveroso da parte di tutte le forze politiche sane presenti in Consiglio dare considerazione e maggiore tutela alle tutte le forze politiche presenti come prevede la nostra Costituzione democratica anche in considerazione della legge dell'alternanza.
E si badi bene, con questo mio sfogo non voglio attaccare la maggioranza , perché riconosco che, all'interno ci sono tante persone per bene, rispettose del lavoro altrui, con le quali il dibattito spesso diventa acceso, infuocato, persino scortese per le diverse opinioni politiche, salvo scusarsi poi, ma con una certa schiera di personaggi che pensa, invece, di partecipare ai lavori, ridendo e disturbando.
Lo ripeto, noi siamo in Consiglio Comunale per lavorare e produrre, perché abbiamo avuto questo privilegio dalla gente che ci ha votato per rappresentarla, non certo per sollazzarci come i bambini.
E lavorare significa anche avere, anzitutto, la correttezza di ascoltare i rappresentanti delle altre forze politiche con rispettoso silenzio, discutendo ed approvando le proposte a prescindere da chi le ha presentate.
Cosa che faccio anche io in ogni Consiglio o commissione consiliare nel rispetto di tutte le parti politiche a prescindere dall’essere della maggioranza o della opposizione in questo paese .
A questo punto, vista la situazione, invito la cittadinanza ad assistere al Consiglio Comunale di martedì 28 Gennaio alle ore 18.00 presso il Castello De Falconibus per vedere con i propri occhi la mancanza di serietà e correttezza di alcuni politici che sono stati votati dai cittadini, e rivolgo un appello alle forze sane di questo paese e al Sindaco perché intervengano stigmatizzando questi comportamenti indegni nella vita politica cittadina.

Angelo Di Lena, Presidente della 4^Commissione consiliare “Servizi Sociali,Pubblica Istruzione, Cultura, Sport, Tempo Libero e Turismo” del Comune di Pulsano.

Pubblicato in Il mio Blog

“Il vergognoso fenomeno delle cartelle di pagamento errate che in questi giorni sta colpendo numerosi cittadini del Comune di Pulsano va censurato non solo da un punto di vista di mal servizio della PA ma, soprattutto, da un punto di vista umano.
In un momento storico di crisi economica come questo, in un momento storico in cui i cittadini italiani vengono chiamati ogni santo giorno a compiere sacrifici, a “stringere la cinghia” per cercare di sopravvivere, è indecoroso che un Ente Comunale commetta tali errori, chiedendo pagamenti illegittimi o già effettuati e facendo vivere un incubo ai cittadini innocenti che hanno già pagato.
L’aspetto ancor più grave è che questa incresciosa situazione si è già verificata negli scorsi anni e i cittadini oggi sono costretti nuovamente a recarsi presso L’ufficio tributi per chiarire la situazione.
A poco servono le giustificazioni addotte dal Sindaco, in merito alla mole di lavoro eccezionale dell’ufficio preposto.
Non si comprende perché i cittadini debbano pagare (letteralmente) per i disagi interni agli uffici comunali, e ancor più grave appare la motivazione esposta dal Sindaco, secondo cui per evitare la prescrizione ( ben 5 anni di tempo per il Comune per adempiere con lucidità e calma) , l’Ufficio si è visto costretto ( dalla sua stessa inerzia) ad inviare cartelle senza prima verificarle, perché “ con un numero così alto di pratiche, è normale che si commetta qualche errore”.
Qualche errore che genera malessere nei cittadini, li costringe ad attese presso l’Ufficio o, nella peggiore delle ipotesi, a dover sostenere spese per presentare ricorsi.
Ad ogni modo, a rimetterci è sempre e solo l’utenza. Il Comune non può disconoscere la propria responsabilità in questa triste vicenda.”

Pubblicato in Il mio Blog

In data odierna il Consigliere comunale Di Lena ha presentato una serie di osservazioni alla proposta del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2020-2022 del Comune di Pulsano.

Per ottimizzare gli sforzi, l’attenzione è stata rivolta essenzialmente alla sezione della trasparenza, non limitandosi tuttavia ad intervenire sugli aspetti relativi agli obblighi di pubblicazione previsti dalla legge (D.lgs 33/2013 – Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicita’, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni) ma proponendo soluzioni migliorative per facilitare la consultazione della documentazione sul sito istituzionale del Comune di Pulsano.

In particolare, le osservazioni propositive hanno riguardato le modalità di pubblicazione dei provvedimenti degli organi di indirizzo politico, quali il Consiglio comunale e la Giunta , e dei provvedimenti in inerenti gli incarichi di consulenza, studio e ricerca.
Nelle osservazioni ho chiesto l’esposizione di manifesti esplicativi e di copie cartacee nelle biblioteche e il supporto dei dipendenti della biblioteca potrebbe essere un mezzo per informare con più efficacia la cittadinanza e coinvolgere un numero maggiore di persone.
Nei primi 6 mesi dell’anno, sfruttando tutte le occasioni di aggregazione possibili, i consiglieri comunali potrebbero informare sul Piano per la Trasparenza e raccogliere le considerazioni e suggerimenti per poi restituirli alla cittadinanza in una giornata della trasparenza finale.
Una diffusione capillare dell’informazione, aiuterebbe l’amministrazione comunale sia nella stesura del PTPC che nell’incremento della funzionalità connesse al già apprezzabile servizio offerto dall’amministrazione per garantire la massima trasparenza.
Ho proposto altresì il coinvolgimento e l’attivazione di istituti scolastici e università nella realizzazione di un video tutorial per divulgare ai cittadini i diritti sanciti dall’art.1 del D.lgs 33/2013.
La possibilità di presentare osservazioni è prevista dalle leggi vigenti al Piano Nazionale Anticorruzione (PNA), nel quale è stata ribadita l’importanza di adottare i piani di prevenzione della corruzione assicurando il pieno coinvolgimento di tutti i soggetti dell’amministrazione e degli stakeholder esterni, considerati non solo come fruitori di servizi e destinatari delle politiche intraprese, ma come soggetti attivi e partecipativi, sia nella fase ascendente della programmazione che in quella discendente della realizzazione degli obiettivi e della rendicontazione dei risultati, al fine di migliorare la strategia complessiva di prevenzione della corruzione dell’amministrazione.

Pubblicato in Il mio Blog

L'obiettivo della Provincia di Taranto è quello di recuperare il gap di infrastrutture provinciali del territorio con nuove opere pubbliche utilizzando tutte le risorse disponibili ed intercettabili.
Ne parla il consigliere dell’Unione dei comuni terre del mare e del sole unione Angelo Di Lena che esprime la sua insoddisfazione.

“ i contributi per la messa in sicurezza del territorio, oltre 500.000 euro, verranno utilizzati per la progettazione definitiva ed esecutiviva di opere per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, per l'efficientamento energetico delle scuole, nonché per la messa in sicurezza di strade del solo settore orientale della provincia jonica.
Di questi è previsto un importo di Euro 237.146 per la redazione del progetto di ammodernamento e messa in sicurezza dal rischio idrogeologico di tratti a margine del fiume Lato, lungo le Sp 12 e Sp 14. Si tratta di strade di collegamento tra le aree agricole di Palagianello, Palagiano, Castellaneta con il litorale e la SS 106 Jonica.
Ancora per la viabilità, è stato candidato l'intervento di progettazione per i lavori di messa in sicurezza dal rischio idrogeologico dei tratti lungo le Sp 15 ed Sp 16, tra i comuni di Ginosa, Laterza e Castellaneta, per un importo di Euro 163.665.
Infine, per la sezione "Edilizia scolastica", è stato candidato l'intervento di progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori di messa in sicurezza del Palazzo degli Studi di Taranto, utilizzato dagli istituti Battaglini e Pitagora, per un importo di Euro 109.863.
Con questi interventi la Provincia di Taranto si dimentica completamente di avere un settore orientale, ma soprattutto dimostra iniquità nella distribuzione delle risorse.
Sono molto deluso.
Se vogliamo creare le premesse per il rilancio della provincia occorre investire anche nel settore orientale.
L 'Ente provinciale ci ha abbandonato".

Pubblicato in Il mio Blog

A seguito di una attenta lettura della documentazione inviata dalla prefettura di Taranto in data 24.12.2019 , in qualità di Consigliere dell’Unione dei comuni terre del mare e del sole alcune settimane fa avevo richiesto con una pec al comune di Leporano se l’autovelox su via Litoranea angolo via Malvarose dir. Taranto fosse ancora in funzione , in quanto l’ente alla data del 15 novembre 2019 , non aveva provveduto ad inoltrare alla prefettura di Taranto , quanto richiesto nell’osservatorio del 27 Settembre 2019.
Ora , grazie al servizio ad una emittente televisiva devo prendere atto , che Leporano a differenza del comune di Pulsano , ha preferito spegnere in autotutela l’autovelox su via Malvarose sino a nuove determinazioni dell’Amministrazione , ma devo segnalare anche la mancata pubblicità in albo pretorio per informare la cittadinanza prevista dalla norma quando si disattiva un dispositivo di rilevamento di velocità oltre che segnalare una sorta di doppiopesismo quando a Luglio del 2019 Leporano invece per l’attivazione dell’autovelox non solo annunciò l’attivazione in albo pretorio , ma addirittura ci furono post di alcuni rappresentanti politici , che a differenza di Luglio , ora preferiscono rimanere nelle retrovie per ovvie ragioni di credibilità .
Continuo comunque la mia battaglia civile per una giusta causa nel rispetto delle istituzioni dello Stato.
Ormai ci sono tutti gli elementi per ottenere l’eliminazione definitiva dell’autovelox di Leporano , ma anche di Pulsano nonostante l’Assessore Marra non ammetta la realtà dei fatti , visti gli interventi per i quali mi sono personalmente battuto in questi anni sino alla totale eliminazione dell’autovelox da parte della Provincia e del Comune di Faggiano sulla Strada Provinciale 109 - Pulsano - San Giorgio”.

Pubblicato in Il mio Blog
Pagina 1 di 2