Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Ti invitiamo a leggere la Cookie Policy

LA POLITICA CHE ASCOLTA
Per realizzare quello che i cittadini vogliono

    

 IL MIO BLOG PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE

News dell'attività comunale 

dilena angelo

Giovedì, 14 Gennaio 2021 17:13

Cartelle pazze, disagi a Pulsano. Il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena chiede di sospendere i pagamenti per ricontrollare e prorogare termini per annullamento.

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Migliaia di cittadini di Pulsano hanno ricevuto dagli uffici comunali cartelle pazze e saranno costretti a dimostrare la regolarità delle proprie posizioni tributarie.
Migliaia di avvisi di accertamento relativi all’anno 2015 che appaiono infondati per errori ricorrenti come la richiesta dell’Imu sull’abitazione principale non dovuta per l’anno 2015 oppure per la richiesta di somme già versate.
“Il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena ha chiesto al sindaco di sospendere i pagamenti e rivedere la situazione spiegando che molti nostri concittadini si stanno recando presso l’ufficio tributi dove a causa del coronavirus i dipendenti non possono accogliere la cittadinanza e non riescono a soddisfare l’intera utenza telefonicamente o rispondendo a mail e pec e , rimangono in sospeso a quanti non riescono a ricevere la giusta considerazione .
Quindi Ufficio tributi al collasso e disagi ai cittadini.
Stanno arrivando anche gli accertamenti Tari 2015 e altri tributi per cui è immaginabile da ora che le telefonate dell’utenza che arriveranno presso gli uffici aumenteranno a dismisura e il personale non potrà rispondere alla mail o al telefono , nonostante gli sforzi anche dell’ Urp .
Pertanto, con una mozione proporrò al Sindaco e a tutto il consiglio comunale di sospendere prima di tutto i termini di pagamento ,per consentire agli uffici di ricontrollare tutti gli avvisi di pagamento errati , per poi consentire a tutti di avere i giusti riscontri dagli uffici nei termini utili con appuntamenti o tramite risposte telefoniche immediate .
Va bene evitare in questi giorni assembramenti che potrebbero mettere a rischio i cittadini e i dipendenti stessi dell’amministrazione comunale , ma nello stesso tempo occorre dare risposte immediate .
Occorre prorogare anche il termine entro il quale recuperare i crediti pregressi non riscossi.
Non aggraviamo la cittadinanza in un momento di crisi come questo ".
Letto 427 volte Ultima modifica il Giovedì, 14 Gennaio 2021 17:19