Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione. Ti invitiamo a leggere la Cookie Policy

LA POLITICA CHE ASCOLTA
Per realizzare quello che i cittadini vogliono

    

 IL MIO BLOG PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE

News dell'attività comunale 

dilena angelo

Venerdì, 24 Gennaio 2020 20:01

LE PRECISAZIONI DEL VICE PRESIDENTE DELLA 2^COMMISSIONE FINANZE TRIBUTI E BILANCIO ANGELO DI LENA DOPO LE FUORVIANTI GIUSTIFICAZIONI ADDOTTE DAL SINDACO DI PULSANO SUL CASO CARTELLE PAZZE .

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

“Il vergognoso fenomeno delle cartelle di pagamento errate che in questi giorni sta colpendo numerosi cittadini del Comune di Pulsano va censurato non solo da un punto di vista di mal servizio della PA ma, soprattutto, da un punto di vista umano.
In un momento storico di crisi economica come questo, in un momento storico in cui i cittadini italiani vengono chiamati ogni santo giorno a compiere sacrifici, a “stringere la cinghia” per cercare di sopravvivere, è indecoroso che un Ente Comunale commetta tali errori, chiedendo pagamenti illegittimi o già effettuati e facendo vivere un incubo ai cittadini innocenti che hanno già pagato.
L’aspetto ancor più grave è che questa incresciosa situazione si è già verificata negli scorsi anni e i cittadini oggi sono costretti nuovamente a recarsi presso L’ufficio tributi per chiarire la situazione.
A poco servono le giustificazioni addotte dal Sindaco, in merito alla mole di lavoro eccezionale dell’ufficio preposto.
Non si comprende perché i cittadini debbano pagare (letteralmente) per i disagi interni agli uffici comunali, e ancor più grave appare la motivazione esposta dal Sindaco, secondo cui per evitare la prescrizione ( ben 5 anni di tempo per il Comune per adempiere con lucidità e calma) , l’Ufficio si è visto costretto ( dalla sua stessa inerzia) ad inviare cartelle senza prima verificarle, perché “ con un numero così alto di pratiche, è normale che si commetta qualche errore”.
Qualche errore che genera malessere nei cittadini, li costringe ad attese presso l’Ufficio o, nella peggiore delle ipotesi, a dover sostenere spese per presentare ricorsi.
Ad ogni modo, a rimetterci è sempre e solo l’utenza. Il Comune non può disconoscere la propria responsabilità in questa triste vicenda.”

Letto 465 volte Ultima modifica il Venerdì, 24 Gennaio 2020 20:05